it

News

Tecno a Orgatec 2018

TECNO A ORGATEC

Tecno presenta a Orgatec nuovi scenari che ritracciano i paradigmi del lavoro, con un linguaggio che parla di flessibilità, personalizzazione, comfort. Arredi efficienti, responsive e allo stesso tempo accoglienti: a Colonia le nuove proposte multifunzionali dialogano con le icone attualizzate con finiture inedite, per raccontare il mondo Tecno e il suo modo di fare progetto.


Orgatec, Colonia
23-27 ottobre 2018
Hall 6.1 - Stand B070/C071 diegnato da CalviBrambilla

__________

SCENARI DI LAVORO NELLO STAND TECNO


Si rinnovano i codici per lavorare, variano i comportamenti per vivere gli ambienti work ma al centro degli spazi ci sono sempre le persone: così, muovendosi nello stand lungo il percorso di un ideale building floor perimetrato dalle pareti W80, si incontrano soluzioni multiformi che suggeriscono opzioni di movimento libero, favoriscono modalità di collaborazione e incontro, incorporano necessità di struttura. I luoghi, le postazioni e i prodotti sono dotati di intelligenza pervasiva io.T - The Intelligence of Tecno e possono così connettersi tra loro per gestire servizi, attrezzature, gruppi e flussi di lavoro, migliorando il benessere complessivo degli utilizzatori.

All’ingresso, le aree di attesa possono avere un carattere più ordinato con le accoglienti poltrone P32 abbinate ai tavolini Pons, oppure diventano lounge rilassanti e informali accomodandosi sulle isole imbottite che compongono il sistema Archipelago.

Se è in programma una riunione, si prosegue nelle meeting room: per partecipare a confronti più ristretti chi lavora seduto sulla composizione modulare di panche RS2 dialoga con chi ha preso posto sulle Plau al desk Nomos, mentre una conversazione è in corso attorno al tavolo Asymmterical con sedute Compasso d’Oro Vela; ancora la collezione Asymmetrical, questa volta sviluppata con un grande piano geometrico, per assistere invece a una conference call evoluta sistemati comodamente sulle poltroncine alte S142.

Le attività che si alternano durante la giornata sono differenziate, così le proposte Tecno sintetizzano configurazioni utili agli scambi dinamici o alla concentrazione individuale e i nuovi prodotti confermano le caratteristiche di funzionalità e personalizzazione.

I cluster più focalizzati sul lavoro sono organizzati con le workstation tool free Clavis – sia standard che regolabili in altezza o standing desk alti – abbinate a Linea, l’inedito sistema microarchitettonico riconfigurabile design Zanon Architetti Associati e Centro Progetti Tecno: i moduli sono piani d’appoggio o sedute occasionali, possono diventare partizioni o elementi per l’archiviazione e il contenimento.

In queste configurazioni che rimandano agli open space o alle situazioni di co-working, sono inserite anche le poltrone Aura, altra novità Orgatec disegnata da Rainlight e Centro Progetti Tecno, che con la loro forma avvolgente contribuiscono a creare un momento di privacy; l’ambientazione è inoltre arricchita dalla seduta Todo Modo, riedizione di un progetto di Willmotte per il Louvre che ritorna protagonista con altre declinazioni d’uso.

Più tradizionali le aree dedicate all’ufficio direzionale e alle postazioni cubicles, entrambe attualizzate da elementi “discordanti” sempre di Jean-Michel Wilmotte: nell’anticamera dell’ufficio – risolto con la scrivania Asymmetical, il contenitore Cento, le poltrone Vela e S142 – il tavolino quasi brutalista T50 crea un contrasto visivo con l’iconico divano D70; mentre le panche in legno Hortus completano la sequenza di zone adatte al lavoro intensivo, definite dal sistema fonoassorbente Multy.

Tutti gli spazi dell’allestimento sono illuminati da Viabizzuno grazie a una collaborazione attivata tra i due brand e nelle diverse postazioni sono collocati punti luce controllati con il sistema io.T.